Normativa Cookie
Questo sito utilizza i cookies, leggi. Proseguendo con la navigazione, si accettano tali cookies Accetto
27
Aug
2010

Yahoo! è l’eco di Bing

L'accordo siglato più di un anno fa tra Microsoft (Bing) e Yahoo! inizia a dare i primi effetti concreti, la collaborazione tra le due aziende prevede che il motore di ricerca di Microsoft diventi la fonte dei risultati mostrati da Yahoo!.

Da alcuni giorni si può notare che in fondo all'home page di Yahoo! sia riportata la scritta "Powered by Bing" e anche se la novità riguarda attualmente solo la versione per gli Stati Uniti e il Canada ben presto non sarà circoscritta su questi due territori. Questa piccola scritta ha un grande valore storico, d'ora in poi le ricerca effettuate online avranno gli stessi risultati.

Dichiarazioni di soddisfazione arrivano dai dirigenti di entrambe le aziende, Satya Nadella (Microsoft online services division senior vice president) ha infatti dichiarato: "Questa è una pietra miliare per Bing e Yahoo! e per i nostri clienti. Siamo felici di segnalare che il passaggio è avvenuto senza intoppi e va alla grande per l'avanzamento della nostra alleanza sulla ricerca fatto durante l'estate", con lo stesso entusiasmo si pronuncia Shashi Seth (senior vice president di Yahoo!): "Siamo concentrati sulla creazione di ricche esperienze immersive per favorire la scoperta di Yahoo! da parte delle persone in tutta la Rete".

L'alleanza tra i due colossi informatici, una volta terminata la transizione del search globale dell'azienda di Sunnyvale verso Bing sia in ambiente desktop che mobile, si svilupperà in una fase successiva: il lancio di AdCenter per l'offerta della pubblicità online. Gli inserzionisti avranno una migliore piattaforma per il loro advertising Microsoft e Yahoo! nuove opportunità per ritagliarsi una maggior fetta di mercato nel web (nelle ricerche online statunitensi ora hanno insieme il 28% contro il 66% di Google).

A pochi giorni dal comunicato stampa per la chiusura di SearchMonkey il web sembra sia destinato ad un notevole cambiamento, anche se Satya Nadella minimizza l'evento e corre in difesa di Yahoo!: "Dire che Yahoo non esiste più come motore di ricerca è scorretto...Date un'occhiata agli aeroplani Boeing o Airbus. Affidano la costruzione dei motori alla Rolls Royce, a United Technologies e alla General Electric. Ma questo significa forse che Boeing e Airbus non sono più produttori di aeroplani?...Yahoo Search integra gli indici del Web di Microsoft con i propri contenuti, con quelli raccolti da altri operatori e con i contenuti dai social network come Twitter. Abbiamo ancora la tecnologia, le conoscenze, le dimensioni e le infrastrutture richieste per scansionare, indicizzare e dare un valore ai dati online e tutto questo in tempo reale".

DOVE
Via Longhi 14/a
40128 Bologna (BO) Italia
CHIAMACI
tel +39.051.538403
fax +39.051.7459506
SCRIVICI
info@dmlogica.com