Normativa Cookie
Questo sito utilizza i cookies, leggi. Proseguendo con la navigazione, si accettano tali cookies Accetto
16
Jun
2009

BING: il nuovo "decision engine" della casa Microsoft


Il successore di Live Search prova a ritagliarsi una fetta di mercato più ampia proponendosi come “decision “engine”.

Bing è l’ultimo nato in casa Microsoft. Il colosso di Redmont  ha investito tra gli 80 e i 100 milioni di euro in una campagna multicanale (TV, stampa, web, radio) per lanciare il suo nuovo motore di ricerca. Google per l’advertising dell’intero 2008 ne aveva stanziati “solo” 25 milioni. L’obiettivo è presentare un motore che si avvicini in modo più pertinente alle ricerche effettuate dagli utenti.

Bing viene annunciato come un motore innovativo in quanto basato sull’offerta di informazioni estremamente utili per le esigenze pratiche degli utenti. Luca Colombo (Consumer&Online Marketing Officer Microsoft Italia) afferma: “Siamo convinti che ci sia ancora grande margine di miglioramento nella ricerca web, che è evoluta poco, nella sostanza, negli ultimi anni. Lo scopo di Bing è far perdere meno tempo agli utenti. Del resto, ormai la gente fa ricerca sul web non tanto più per trovare informazioni ma per prendere decisioni”.

Per raggiungere questo obiettivo Bing è progettato su tecniche di ricerca semantica, che unisce il linguaggio naturale con quello informatico al fine di visualizzare una serie di link pertinenti in risposta alle interrogazioni effettuate. L’aiuto nelle ricerche è offerto anche attraverso le quattro aree tematiche: shopping, viaggio, salute, ricerche locali.

La definizione di “motore decisionale” non è quindi casuale .

Le novità riguardano anche la grafica. Al posto di una pagina “essenziale” sul modello di Google, viene presentata un’immagine ad altissima risoluzione che cambia giornalmente, nei risultati di ricerca è possibile visualizzare un’anteprima del contenuto della pagina di destinazione  passando con il puntatore del mouse sopra il link, i video catalogati sono “animati” (mostrano alcuni secondi del loro contenuto).   

Il lancio di Bing ha scatenato la curiosità non solo tra gli utenti ma anche di Sergey Brin, che ha immediatamente predisposto uno studio del nuovo motore di ricerca di Microsoft e radunato una speciale task force di sviluppatori per migliorare i servizi web di Google. Se da un lato Brin minimizza: “Abbiamo sempre una squadra di lavoro per migliorare la ricerca….Dobbiamo dedicare più tempo ed energie alla ricerca di ogni aspetto della nostra azienda. Il nostro algoritmo è in costante evoluzione” dall’altro c’è chi considera quest’azione come il frutto di una preoccupazione sul futuro del mercato di Google.

Anche non conoscendo le cause di questo interesse il risultato sarà sicuramente un miglioramento dei servizi destinati agli utenti.

DOVE
Via Longhi 14/a
40128 Bologna (BO) Italia
CHIAMACI
tel +39.051.538403
fax +39.051.7459506
SCRIVICI
info@dmlogica.com