Normativa Cookie
Questo sito utilizza i cookies, leggi. Proseguendo con la navigazione, si accettano tali cookies Accetto
04
Oct
2018

140 attacchi informatici al giorno: come difendere le aziende?

Il Garante per la Privacy ha denunciato, nella relazione al Parlamento sull'attività svolta nel 2017, che nel nostro Paese gli attacchi informatici, solo nel mese di maggio, sono arrivati ad essere più di 140 al giorno. Antonello Soro ha affermato: "In un mondo dove tutto di noi sarà sempre più connesso, saremo sempre più vulnerabili, perché ogni oggetto con cui veniamo a contatto può diventare il canale di accesso per un attacco informatico". Ha quindi ribadito la necessità di fare della protezione dei dati una priorità.
 
 

Cosa possono fare le aziende per avere più sicurezza informatica

La sicurezza è un tema caldo per PMI e grandi aziende. Di fronte al dilagare dei cyber attack, è importante per ogni impresa adottare una strategia valida di cybersicurezza aziendale e puntare sulla formazione dei dipendenti sulle tematiche della security. In sostanza bisogna sempre attrezzarsi per difendersi da pericoli esterni, come anche contro quelli che provengono dall'interno dell'azienda, seguendo le specifiche soluzioni di sicurezza dettate da uno specialista qualificato (appartenente al dipartimento IT se l'azienda ne ha uno, altrimenti affidandosi ad un consulente esterno).

 

6 consigli per la security, da mettere in pratica sul posto di lavoro

 
Proponiamo alcuni consigli da seguire sul luogo di lavoro, best practice che aiutano a tenere le nostre aziende al riparo dai rischi del cybercrime.
  1. Password, facciamo attenzione: non è facile per nessuno tenere a mente tutte le password, ma non per questo bisogna scriverle su un foglio o un post-it accessibile a tutti: questo comportamento metterebbe a rischio i dati e la sicurezza dell’azienda. Eventualmente, meglio utilizzare un password manager che generi password sicure e che le memorizzi per noi.
  2. Wi-Fi fuori ufficio, misure extra: può capitare di lavorare fuori dall'ufficio, di avere bisogno di un accesso a Internet, di utilizzare una delle tante reti Wi-Fi libere che si trovano (presso bar, ristoranti, negozi, librerie, biblioteche, aeroporti...). Bisogna fare attenzione a queste reti, se si utilizzano hotspot Wi-Fi esterni bisogna adottare misure di sicurezza extra per scongiurare pericoli. È innanzitutto necessario accertarsi che ci si sta collegando alla rete giusta, non a quella di qualche malintenzionato (che magari ha camuffato il nome di una rete per trarci in inganno). Inoltre, su queste reti è meglio evitare di effettuare transazioni bancarie o di gestire dati sensibili che riguardano il lavoro.
  3. Chiavi USB e dispositivi sconosciuti: fate attenzione alle USB che utilizzate. Se troviamo una chiavetta USB o altro dispositivo sulla scala che porta al nostro ufficio, cosa ne facciamo? A qualcuno potrebbe venire in mente di collegare l'USB al proprio computer in ufficio per vedere cosa c'è dentro, per capire chi ha perduto l'oggetto: questa è una cosa da non fare assolutamente, perché la chiavetta potrebbe contenere un malware che attacca e infiltra la rete aziendale, creando seri problemi.
  4. Mail sospette e phishing: le mail sono uno degli strumenti più utilizzati dai cybercriminali che vogliono intrufolarsi nei computer e nei sistemi informatici dell'azienda. Il consiglio è di prestare massima attenzione al mittente di un’email, per verificare che non sia qualcuno che si è camuffato da legittimo mittente. Verifichiamo il contenuto della mail, specie se ci chiede di autorizzare un pagamento, ed in particolare se abbiamo dei sospetti a riguardo (errori grammaticali, errori di sintassi o di battitura devono metterci in allarme). Inoltre, pensiamoci bene prima di cliccare sui link che sono contenuti nelle mail e prima di scaricare eventuali allegati, accertiamoci di essere in presenza di mail affidabili.
  5. Backup dei dati: fare sempre il backup dei dati è una cosa veramente importante, necessaria per metterli al sicuro da eventuali attacchi di ransomware e cybercriminali. Ricordiamo che ci sono strumenti evoluti che permettono di programmare il backup periodico e automatico dei dati.
  6. Ufficio, spazio sicuro: anche l’ufficio, inteso proprio come spazio fisico, deve essere difeso da intrusioni. Si sono verificati diversi casi di cybercrimini commessi attraverso la presenza fisica di malintenzionati, che sono riuscirti ad accedere ai computer e ai sistemi informatici aziendali, sottraendo denaro o informazioni, compromettendo il lavoro dell'azienda.
Quelle sopra sono 6 semplici azioni, non richiedono un grande impegno, ma sono buone prassi che possono aiutare le nostre aziende a difendersi. I consulenti di DMlogica sono sempre a vostra disposizione, per la vostra azienda e il suo business.
DOVE
Via Caduti di Amola n. 11/2
40132 Bologna (BO) Italia
CHIAMACI
tel +39.051.538403
fax +39.051.7459506
SCRIVICI
info@dmlogica.com